Apr 15 2020

MANIFESTO DELLA SALUTE TRANS

In occasione della giornata mondiale della salute (il 7 aprile), abbiamo tradotto il Trans Health Manifesto

Originale qui.

Sappiamo bene che nei momenti di crisi sociale, politica ed economica i diritti dei soggetti considerati marginali sono i primi a venire revocati. Lo ha dimostrato in questi giorni la decisione del primo ministro ungherese Orbán di vietare la rettifica anagrafica per le persone transgender, come primo atto subito dopo aver assunto i pieni poteri. Per riaffermare l’importanza della lotta per i nostri diritti in qualsiasi circostanza e per ribadire che non lasceremo spazio alle derive fasciste e/o neoliberiste, pubblichiamo la nostra traduzione del “Manifesto della salute trans” scritto dalla Edinburgh Action for Trans Health. Il manifesto ci sembra anche in linea con gli obiettivi della condivisione di saperi “dal basso” per la promozione di processi di cura orizzontali e la lotta per l’autodeterminazione delle persone e delle comunità della Campagna Dico32 – Salute per tutte e tutti.

Per l’autodeterminazione delle persone trans.
Per il superamento del gatekeeping medico e psichiatrico.
Per il diritto all’autonomia corporea delle persone intersex e trans.
Perché l’accesso all’aborto libero e gratuito sia garantito sempre.
Per il diritto alla salute de* lavorat* sessuali.
Nessun* deve rimanere sol*.


La salute trans è autonomia corporea. Esprimeremo i nostri bisogni ed essi saranno soddisfatti. Cambieremo i nostri corpi nel modo che vogliamo. Avremo ormoni e bloccanti universalmente accessibili e disponibili gratuitamente, procedure chirurgiche e ogni altro trattamento e terapia pertinente. Porremo fine al gatekeeping medico sui nostri corpi. Avremo un pieno riconoscimento della responsabilità storica per gli abusi perpetrati contro di noi in nome dell’“assistenza sanitaria”. Vedremo riparati questi crimini e i crimini commessi contro altre persone in nostro nome.

Non siamo troppo malat*, troppo disabili, troppo ansios*, troppo depress*, troppo psicotic*, troppo Pazz*, troppo estrane*, troppo giovani, troppo vecchi*, troppo grass*, troppo magr*, troppo pover* o troppo frocie per prendere decisioni sui nostri corpi e sui nostri futuri. Siamo tutt* auto-medicat*. La nostra capacità di azione sarà riconosciuta. Ognun* di noi lavora molto più duramente per la nostra stessa salute e per quella delle persone che ci circondano di quanto qualsiasi medico abbia mai fatto e continueremo a costruire comunità di supporto su principi di mutuo aiuto.

Neghiamo la separazione di corpi, menti e sé – una violenza contro qualsiasi parte di noi è una violenza contro tutt* noi. Crediamo che l’epidemia di condizioni croniche nelle nostre comunità sia una conseguenza della guerra di logoramento condotta contro di noi nel corso dei secoli. Noi non esistiamo in isolamento, ed è essenziale per la nostra assistenza sanitaria che tutt* guariamo insieme, curandoci a vicenda e curando il nostro mondo. Guariremo il danno fatto da confini e stati, governo e autorità, capitalismo e imperialismo.

Riconosciamo che la storia della medicina trans è una storia di abuso coloniale e fascista. Vediamo la storia della sperimentazione eugenetica dai campi di concentramento nazisti, all’implementazione coloniale del regime binario di genere occidentale, ai test di verginità per le donne dell’Asia meridionale e altre donne di colore nel Regno Unito negli anni ’70; dalle prove di sterilizzazione e controllo delle nascite forzate sulle donne di Puerto Rico, alle migliaia di persone nere che sono morte nei reparti psichiatrici del SSN; dalla negazione dei diritti riproduttivi delle persone disabili, alla negazione dell’accesso agli aborti alle persone nel nord dell’Irlanda e nella Repubblica d’Irlanda, nel passato e nel presente. Vediamo la continua manifestazione della medicina eugenetica nella negazione della nostra autonomia corporea come persone trans oggi: dagli interventi chirurgici coercitivi su* bambin* intersex, alla sterilizzazione forzata in alcune parti dell’Europa, alla sorveglianza e alla cattiva informazione sulla nostra riproduzione sessuale, al gatekeeping degli interventi chirurgici e delle medicine.

La nostra lotta per l’autonomia corporea non può essere separata dalla nostra lotta per la giustizia riproduttiva. La richiesta di fare ciò che vogliamo con i nostri corpi è necessariamente una richiesta per aborti gratuiti e accessibili, per la depenalizzazione del lavoro sessuale e per l’auto-determinazione universale. Combattiamo per porre fine ai confini, alle carceri e alla polizia. Riconosciamo che non esistiamo indipendentemente dal nostro ambiente, e quindi la nostra lotta per l’auto-determinazione e la salute è anche una lotta per la giustizia climatica. Non siamo separat* dal nostro ambiente, la salute è irraggiungibile se l’acqua è avvelenata e la terra è bruciata.

Non ci saranno cliniche né autorità. Condurremo noi le nostre ricerche e sperimenteremo con i nostri corpi. Guariremo e cresceremo insieme. Accumuleremo sapere e lo condivideremo in modo gratuito e accessibile. Non pretendiamo nulla di meno che la totale abolizione della clinica, della psichiatria e del complesso medico-industriale. Pretendiamo la fine della “medicina” capitalista e colonialista.

Pretendiamo che ormoni e bloccanti siano resi disponibili come farmaci da banco e con prescrizione gratuita su richiesta. Abbiamo bisogno dell’accesso sicuro e universale agli ormoni e ai bloccanti a ogni età, dell’opportunità di decidere noi stess* le nostre dosi, e di informazioni accessibili a tutt* riguardo alla sicurezza e all’efficacia dei diversi trattamenti. Stiamo già prendendo gli ormoni in questo modo, quindi questa richiesta è semplicemente per assicurarci che il rischio venga mitigato efficacemente.

Pretendiamo che tutte le terapie per cui è possibile farlo vengano rese disponibili negli ambulatori, con l’accesso diretto invece per terapie e procedure per cui gli ambulatori non sono adatti.

Pretendiamo esami del sangue anonimi, sia inviati per posta sia presso gli ambulatori dei centri endocrinologici, dove potremo chiedere la consulenza di una persona specialista, se lo desideriamo.
Pretendiamo la libertà di alterare i nostri corpi senza giustificazione. Pretendiamo la fine di tutti i prerequisiti richiesti per la chirurgia – nessun* dovrebbe essere obbligat* a dimostrare la propria esperienza di vita, la propria salute, o essere obbligat* a prendere ormoni per poter esercitare l’autonomia sul proprio corpo. Pretendiamo che queste operazioni chirurgiche possano essere altamente personalizzate, per soddisfare i nostri bisogni, che sono individuali e unici. Pretendiamo il diritto a operazioni chirurgiche multiple, inclusa l’inversione di operazioni precedenti, se lo desideriamo, così che non dobbiamo temere di pentirci. Pretendiamo che ci vengano fornite in modo gratuito e tempestivo operazioni chirurgiche genitali, additive e riduttive del torace, isterectomie e orchiectomie, operazioni alla trachea e alle corde vocali, operazioni facciali, lipoplastica, contouring mandibolare e microdermoabrasione, rimozione chirurgica dei peli e trapianto e ogni altra procedura possibile che possa soddisfare i nostri bisogni nel momento in cui li esprimiamo.

Pretendiamo risorse per la rimozione dei peli in qualsiasi punto del nostro corpo e l’opzione dell’anestesia locale nel corso di queste procedure.
Pretendiamo un coaching vocale che non ci obblighi ad alterare le nostre voci in modi che non desideriamo, ma che invece rispetti i nostri accenti e il nostro diritto di esprimerci in qualunque modo lo desideriamo.

Pretendiamo l’accesso al counseling e a ogni altra terapia che scegliamo.
Pretendiamo la revoca della licenza medica a tutt* l* dottor* e infermier* delle cliniche “di genere”, passat* e presenti.

Pretendiamo il potere di riconoscere la responsabilità di coloro che hanno abusato del loro potere medico e amministrativo per le ingiustizie passate e presenti.

Pretendiamo una formazione medica che ci permetta di eseguire in modo sicuro procedure mediche e ricerche l’un* per l* altr*, per chiunque tra di noi voglia imparare. Accresceremo la nostra conoscenza collettiva, così che i mezzi per conoscere i nostri corpi siano universalmente accessibili. Pretendiamo il miglioramento dei farmaci che prendiamo e delle procedure a cui ci sottoponiamo, per ridurre gli effetti collaterali negativi nel lungo termine, e per sottolineare l’esperienza che noi ne facciamo e la comprensione dei loro effetti sui nostri corpi.

Pretendiamo centri di ricerca e biblioteche, organizzate autonomamente e orizzontalmente da e per le persone trans, in cui i soggetti della ricerca partecipino in egual misura alla decisione riguardo gli esperimenti portati avanti e il modo in cui tali esperimenti vengono condotti. Pretendiamo finanziamenti completi per qualsiasi ricerca o progetto intrapreso da questi collettivi.

Pretendiamo un’istruzione obbligatoria, scritta e insegnata interamente da persone trans, in tutte le fasi dell’educazione, dall’asilo all’età adulta. L* bambin* trans hanno bisogno di capire se stess*, nel contesto del proprio corpo, della propria vita e delle proprie esperienze. Dobbiamo riparare il danno fatto dalla sezione 28 [clausola del Local Government Act del 1988 che obbligava le autorità locali a “non promuovere intenzionalmente l’omosessualità o pubblicare materiale con l’intenzione di promuovere l’omosessualità” o “promuovere l’insegnamento in qualsiasi scuola finanziata dallo stato dell’accettabilità dell’omosessualità come pretesa relazione familiare”, NdT], il cui retaggio sta ancora causando danni a* bambin* di oggi.

Pretendiamo riparazioni materiali per gli abusi storici contro le persone trans e per tutte le persone danneggiate dalle pratiche mediche e dalle politiche eugenetiche.

Pretendiamo la fine dei certificati di nascita e del genere anagrafico. I registri di genere dovrebbero essere resi anonimi e registrati sempre e solo nell’ambito del monitoraggio delle uguaglianze. Né il governo, né alcuna istituzione ha alcuna giustificazione per tenere un registro delle persone trans. I certificati di nascita non sono solo una violenza contro le persone trans, ma sono materiale per l’oppressione da parte dello stato su migrant* “senza documenti” e richiedenti asilo.

Pretendiamo case di buona qualità, accessibili e sicure per tutt*; e richiediamo risorse adeguate affinché le persone trans ed emarginate possano accedere a schemi e progetti per costituire comuni e cooperative abitative.

Pretendiamo che le persone trans vengano immediatamente liberate dai contratti di polizia, militari e del governo senza ripercussioni. Rifiutiamo il sistema di ricatti in cui le aziende e i governi agiscono, in base al quale le persone trans che possono lavorare vengono “ricompensate” con leggermente meno maltrattamenti in cambio dello sfruttamento del nostro lavoro. Non permetteremo il pinkwashing della violenza del capitalismo, dell’imperialismo e dello stato.

Pretendiamo l’amnistia, il ricorso a fondi pubblici e il diritto di rimanere a tempo indefinito ai benefici di tutte le persone migranti e richiedenti asilo trans, lesbiche, gay e bisessuali. Nessun* è illegale.

Pretendiamo il rilascio immediato e l’indulto per tutt* l* prigionier* trans.

Edinburgh Action for Trans Health 


Set 19 2017

EPISTEMOLOGIA RUMINANTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una fanzine di corpi grassi, corpe lente, corpo dissidente scritta dall’attivistx gordx grassx LUCRECIA MASSON.

Ah!sQueerTO è lieta di collaborare con questa nuova amica argentina e di aprire un nuovo capitolo nella lotta, questa volta alla gordofobia e al fatshaming, nuovamente ponendo al centro il corpo eccedente come dispositivo di dissidenza.

E’ per questo che con piacere diffondiamo queste due fanzine, o queerzine, o fatzine, in versione spagnola autografa di Lucrecia, e con la traduzione italiana delle linguiste militanti squeer di Torino.

 

Epistemologia Rumiante di Lucrecia Masson (ESPANOL)

Epistemologia Ruminante di Lucrecia Masson (ITALIANO)