sei contro natura

prima o poi froci*, trans e queer se lo sentono dire.

la natura (con la n maiuscola), assunta come un tutt’uno certo, solido e immutabile, diventa pietra di paragone, punto di riferimento per condannare comportamenti, corpi, relazioni che se ne discosterebbero e definire rigidi protocolli di esistenza per tutt*.

la natura, tuttavia, non esiste in sé e per sé, è un’astrazione.

ciò che esiste è l’insieme degli esseri viventi e le loro relazioni di specie, interspecie e con la materia del pianeta.

 

recentemente a torino, negli spazi di movimento, si è parlato di questi temi. l’occasione è stata la presentazione a librincontro di una raccolta di saggi edita da nautilus: “critica al transumanesimo” (2019).

un’apologia della natura, madre benevola, giudicante, moralista, che si muove violentemente dal passato al presente, portando a ideale futuro una visione del mondo dove l’autodeterminazione è assente.

in questa sede sono state espresse posizioni transfobiche e antiabortiste, partendo appunto dalla critica al “transumanesimo”, un’élite minoritaria che ritiene sia possibile utilizzare la tecnologia per superare i confini della condizione umana.

 

non accettiamo che qualcunu venga a dirci che la nostra vita sia indegna di essere vissuta.

a chi ci toglie il microfono, toglieremo la sedia, la cattedra e il pavimento; riserveremo lo stesso trattamento a chiunque decida di ergersi a giuria di ciò che é giusto e di ciò che non lo è, soprattutto se il corpo non é il suo.

rifiutiamo che qualcunu possa definire i termini dell’esistenza giusta per il pianeta.

che la nostra esistenza infastidisca ce ne eravamo già accortu. non é un problema nostro

 

noi rifiutiamo l’idea che il nostro nemico sia la tecnologia con la t maiuscola, un’altra entità astratta, privata della sua complessità. pensiamo che esistano saperi, conoscenze e tecniche che salvano la vita, che la migliorano, che permettono di autodeterminare le nostre esistenze.

in quanto soggettività mostruose abbiamo imparato e impariamo ogni giorno sui nostri corpi a interrogare I dualismi e ogni forma di verità che si presenta come universale e assoluta dall’alto di una lettera maiuscola.

natura.

tecnologia.

stato.

chiesa.

 

quando si parla di tecnologia come di una pappa informe in cui non si distingue di volta in volta chi la crea, chi la controlla, chi opprime, chi ne beneficia, diventa impossibile prestare ascolto alla voce di chi necessita di tecnologie per autodeterminarsi e scegliere per sé e per il proprio corpo.

cosi come, d’altra parte, quella natura con la n maiuscola diventa strumento di dominio che si pretende di esercitare sui nostri corpi e sulle nostre vite.

 

noi transfemministe froci* e queer rivendichiamo la libertà di autodeterminarsi.

vogliamo avere il controllo della nostra vita riproduttiva, scegliere come e se scopare, che sfamiglie e relazioni creare, abbattere le dicotomie di sesso e genere e abilità imposte dal controllo sociale sui corpi che avvengono persino prima della nascita.

 

di volta in volta: “folli, isteriche, degenerate, pervertite, disforiche”.

ci riprendiamo quotidianamente spazi di libertà per sopravvivere in un mondo che ci inferiorizza, ci deride, ci violenta, ci malmena, ci opprime, ci uccide.

ma non ci si commuova: siamo mostre fiere, zombie e fenici.

ci scagliamo contro il dominio nelle sue molteplici forme: contro il capitalismo che consuma, svende, ricicla i nostri corpi e le nostre esistenze, controlla e dà luce a tecnologie che hanno il profitto come unico obiettivo.

sfidiamo l’eteropatriarcato che disegna confini di agibilità, divide i corpi, le relazioni, le pratiche che meritano di esistere da quelle contro natura.

 

e non smetteremo di scheccare e di puntare il dildo contro quella natura maiuscola che altro non è che norma eteropatriarcale assunta a natura.

 

 

 

 


Comments are closed.