SQUEERTO SULL’OTTO MARZO

Scioperiamo dalla famiglia eteropatriarcale e dalla riproduzione.

La morale cattolica usata come parametro e la promessa di futuro radioso non ci ingannano e non rendono il nostro presente più vivibile. Riconosciamo e rifiutiamo l’obbligo verso l’imperativo della specie, gli orologi biologici, le necessità della patria, della potestà, dell’eredità e le conseguenti aspettative sociali.

Scioperiamo perché le nostre relazioni d’affetto, intimità e cura sono invisibilizzate. Le nostre sono intimità altre, spesso precarie: non-coppie, non-eterocis, non sempre dotate di prole, non sessuali, fluide e mutanti.

Non aspiriamo a essere censite, a conquistare l’etichetta di famiglia: un’istituzione che incarna una microsocietà violenta.

Esploriamo nuove modalità di relazione, pratiche sessuali non finalizzate alla procreazione e pratiche di gestione della violenza e dei conflitti. Generiamo relazioni, non bambin*

Scioperiamo dal binarismo stagnante “F” o “M” per un’identità fluida del genere. Vogliamo l’abolizione del genere come categoria anagrafica obbligatoria.  Scioperiamo dalle attese interminabili per l’ottenimento delle prescrizioni ormonali per la transizione di genere. Scioperiamo dal controllo sui confini del genere.

Odiamo l’etica capitalista che mette il lavoro al centro delle nostre vite: vogliamo tempo e spazi per coltivare le nostre relazioni e la nostra favolosità. Scioperiamo dall’obbligo della presentabilità: vogliamo scegliere che vestiti indossare e come truccarci. Se ci travestiamo non sarà per i vostri profitti.

Se il dildo indica la lotta al patriarcato, il fascista guarda il dildo.

Scioperiamo, per piacere! Piacere sono il sesso, sesso per godere, godere asessuale, sesso per lavorare. Scioperiamo per il sesso sicuro oltre ai generi e i genitali e per tutte le sessualità dis/abili. Scioperiamo contro gli ambienti cosiddetti accoglienti che ci vogliono frocie ma solo se ricche, beneducate, benvestite e poco truccate.

Siamo femminili per sovvertire l’ordine del genere e sabotarlo. Siamo devianti dall’eteronorma, disertrici dagli obblighi del patriarcato e dalle sue conseguenti regole grammaticali. Siamo bestie f(e)rocie, siamo “fiere”. Scopiamo per l’estinzione. Scopiamo per godere.

Scioperiamo:

dalle continue giustificazioni: la misoginia esiste! le grasso/omo/transfobia esistono e non sono “esagerazioni”!

dal dover rispondere alla domanda “sei maschio o sei femmina?”

assieme a tutte le nostre sorell* che resistono e lottano contro il genere

 

sciopera dal genere

liberando mostri gender

sciopera dai reggiseni

dai tuoi problemi

 

Ah SqueerTo!


Comments are closed.